Francoforte *Germania*Ristorante Pizzeria "Imola", Inh. Familie Iacona, Alt Nied 19, 65934 Frankfurt am Main

  | Home | Fotogallerie | *** Sterne Karte | 122 Sorten Pizza | Tageskarte | Notizie Culturali | Notizie Sport |             Notizie Politica | Kontakt | Wo wir sind |

 

<**  Chef Antonio Iacona**> Ristorante Pizzeria “Imola”, Alt Nied 19, 65934 Frankfurt am Main- Nied 069/38018770. internet: www.ristorante-imola.de Inhaberin Rag.Giovanna Iacona

- forum del made in Italy: premio <Chef 2008>

16.10.2008 von www.ristorante-imola.de

 

In occasione del suo 39.esimo compleanno, il comitato di redazione del forum ha conferito il riconoscimento „chef 2008“ al Sig. Antonio Iacona, Chef del ristorante “Imola” di Francoforte sul Meno. Tale premio ha inteso sottolineare l’impegno profuso dal Sig. Iacona, coadiuvato dalla moglie Giovanna e dal figlio Luciano, nella valorizzazione del settore gastronomico quale espressione tipica del Made in Italy. Durante la serata, inoltre, Antonio Iacona ha avuto modo di rispondere alle domande sulle ricette della cucina italiana a lui poste dagli italiani in Argentina. Tale collegamento è stato reso possibile tramite la TV online “Amplitud 770” e dal programma per gli italiani condotto dal  Segretario della S.I.R.T.A. (Stampa Italiana Radio e TV in Argentina

Antonio IaconaPassione e creatività a tavola 

Antonio Iacona, 39 anni anni originario di Cerami (Sicilia), è arrivato a Francoforte nel 2000 insieme alla moglie Giovanna e al figlio Luciano. All’inizio Antonio inizia a lavorare come meccanico ma già da allora inizia a farsi strada la volontà di riprendere la strada imprenditoriale, interrotta in Sicilia, puntando soprattutto su una naturale propensione verso le relazioni umane. Il settore gastronomico sembra essere quello su cui puntare, ma Antonio si accorge subito che la strada non è semplice. Matura il lui la consapevolezza che la trasformazioni intervenute nel modo di rappresentare la tavola italiana in Germania, sempre più distaccato da un generico marchio pasta e pizza e sempre più consapevole di dover rappresentare le originalità tipiche delle regioni italiane, impone prima di tutto una profonda preparazione di base. Per Antonio, il modo migliore per realizzare il suo progetto è quello di iniziare ad osservare questo mondo, lavorando  presso diverse imprese gastronomiche. Passo dopo passo si fa in lui sempre più strada la consapevolezza di poter camminare con le proprie gambe e nell’estate del 2004 il progetto iniziale si trasforma in realtà con l’apertura del ristorante-Imola.de, nome che rievoca la città sede di un circuito molto caro a chi ama il mondo dei motori. Si proprio un circuito, che da solo può rappresentare la metafora di una gara a cui si partecipa, in questo caso, soprattutto per vincere la sfida con se stessi.Il gran premio del buon gusto parte per Antonio nonostante tanti gli sconsiglino di intraprendere una strada piena di insidie. La sua strategia, però, fatta di qualità, studio continuo e passione lo porta da subito non solo ad eguagliare la concorrenza ma a superarlae in questa performance la simpatia e la disponibilità, di cui anche la moglie Giovanna si fa prima interprete, giocano un ruolo fondamentale.Passano i mesi e gli anni e quel progetto ormai si è trasformato in una realtà che lascia sempre spazio alle belle sorprese. Non capita tutti i giorni, infatti, di imbattersi in un menù con 122 pizze, preludio per un viaggio che da nord a sud dell’Italia riassume l’originalità che Antonio è riuscito a costruire intorno alla propria arte culinaria. Ogni giorno, al ristorante Imola può capitare di incontrare una novità che dai primi ai don lascia insensibili i buogustai che ormai frequentano questo spazio di italianità a tavola, conosciuto non solo a Francforte ma anche nelle città limitrofe. Chi lo conosce se ne è già reso conto e chi lo cooscerà non potrà che constatarlo. Per noi della nostra redazione, che lo ha scelto come consigliere per il settore gastronomico, è la realtà che vorremmo sempre trovare…una ricetta di umanità e passione senza retrogusto.